Si prega di ruotare il dispositivo in verticale

4 regole per gestire una situazione di emergenza e permettere al tuo brand di uscirne più forte

8 Aprile 2020

Hai pensato alle conseguenze di questa emergenza sul tuo brand? Molte aziende hanno dovuto rivedere la propria strategia di comunicazione durante la pandemia da Coronavirus. Anche tu devi necessariamente farlo, questa può essere l’occasione per migliorare l’immagine della tua azienda.

Gli errori da evitare nelle situazioni difficili

  • Rinunciare alle iniziative di comunicazione già previste.
  • Comunicare senza tener conto della situazione.
  • Usare toni provocatori o ironici, quando non è il tuo stile.

Vediamoli in dettaglio.

Rinunciare alla comunicazione

Essere costretti a ridurre l’attività produttiva non significa smettere di comunicare e annullare tutte le azioni pianificate. In alcuni casi, anzi, è necessario incrementarle. Non è questione di “spendere più del budget previsto” perché, a volte, si tratta di piccole azioni mirate e praticamente a costo zero.

Penso, ad esempio, ai cartelli esposti in molti luoghi di lavoro con le istruzioni su come lavare le mani in modo corretto ma anche alle circolari interne di un’impresa che definiscono lo smart working. Sono comunicazioni eccezionali e importantissime. Non dare nulla per scontato: anche se ti sembra superfluo, comunicare la momentanea chiusura del tuo ristorante, in questo momento, è un’attenzione in più per i tuoi clienti e fa bene alla tua immagine.

Far finta di nulla

Ogni tua attività di comunicazione, interna o esterna, deve necessariamente tener conto della situazione eccezionale in cui stiamo vivendo. Prova a guardare con occhi diversi il messaggio che stai per lanciare e sii pronto a cambiarne il contenuto, se necessario.

Puoi prevedere un’azione di instant marketing (la comunicazione che risponde in tempo reale a eventi più o meno imprevisti) ben studiata e adeguare il tono alla nuova situazione. Il tuo target deve capire che hai studiato bene il messaggio che ha appena ricevuto, non deve pensare mai che tu sia inopportuno (anche se ormai avevi già programmato l’invio della newsletter o prenotato degli spazi pubblicitari)

Prenderla sul ridere

Evita i toni provocatori o troppo ironici. Attenzione: non significa che devi rinunciare del tutto alla leggerezza. Sii sempre coerente con il tuo stile.

Come gestire e rafforzare il tuo brand durante le emergenze: le 4 regole

Rinunciare a ogni tipo di azione comunicativa in questo periodo è, per me, un errore grossolano. Come e cosa comunicare in modo utile, allora? Dopo aver visto con NON fare, ecco alcuni suggerimenti su come gestire la tua comunicazione nella maniera più adeguata.

1. La regola della coerenza

Mantieni fede ai tuoi valori e alla tua identità. Non copiare gli altri, puoi dare un’occhiata alla concorrenza ma cerca di focalizzarti sempre sul tuo target e, soprattutto, sii fedele al tuo stile. In queste settimane, l’invito a rimanere a casa è stato univoco (l’hashtag #iorestoacasa è giustamente diventato una sorta di mantra). Alcune aziende hanno trasmesso questo concetto rendendolo “coerente” con la loro identità e inserendolo in modo pertinente all’interno della loro comunicazione di prodotto. Guarda gli esempi di Tempo.

2. La regola dell’etica

Sembra inutile dirlo ma a volte si commettono degli errori di ingenuità e in assoluta buona fede, si può perdere di vista il buon senso. Invitare i tuoi clienti a fare scorta del tuo prodotto prima che finisca o che le nuove direttive del Governo costringa a chiudere i negozi (e tu non hai un e-commerce) NON è aiutare la collettività. Stai lontano anni luce dal sospetto di voler approfittare della situazione per incrementare il tuo fatturato.

3. La regola della concretezza

Hai deciso di continuare a investire nella comunicazione. Hai modificato il messaggio e/o il suo tone of voice mantenendo la coerenza con la tua strategia. Benissimo, ora è tempo di andare oltre. Cosa puoi fare concretamente per i tuoi clienti (e anche per chi non lo è ancora o magari non lo sarà mai)? In pratica, oltre alle parole, devi concentrarti sui fatti.

Un esempio su tutti: il progetto di Solidarietà Digitale del Ministero per l’Innovazione Tecnologica e Digitalizzazione, nato per ridurre l’impatto sociale ed economico delle restrizioni dovute al coronavirus. Hanno aderito molte imprese e associazioni che mettono a disposizione le loro risorse digitali per migliorare la gestione del lavoro e delle normali attività quotidiane. Ecco quindi gratis o a prezzo agevolato: connessioni internet, piattaforme per e-learning e smart working, consegne per food e giocattoli, riviste digitali, e-book e film in streaming e molto altro.

Marika De Sandoli Solidarietà digitale Coronavirus strumenti online

Nomi celebri dell’imprenditoria, della moda, dello spettacolo e dello sport hanno donato cifre consistenti per la costruzione di strutture ospedaliere e molti VIP si sono fatti promotori di campagne di raccolta fondi su tutto il territorio italiano. Alcune aziende hanno deciso di devolvere una parte del loro ricavato della vendita di prodotti a enti e fondazioni, altre mettono a disposizione il loro know how e i loro mezzi.

Se decidi di contribuire anche tu, ti consiglio di essere trasparente il più possibile: scegli un’associazione o una fondazione, comunica al tuo target cosa la tua azienda sta facendo, in modo semplice e chiaro.

4. La regola della continuità

Per scongiurare ogni pericolo di sospetto social washing, organizza la tua comunicazione seguendo le regole precedenti anche per il post-emergenza.
Non basta intraprendere un’iniziativa benefica e comunicarla al suo avvio. L’attività deve continuare ad essere raccontata con aggiornamenti periodici, ad esempio, sulla cifra che sta raccogliendo la tua azienda giorno per giorno. Anche dopo la fine dell’emergenza, quando abbiamo tutti voglia di lasciarci alle spalle il periodo difficile. Un’azione coerente, etica e concreta prevede una rivalutazione delle priorità aziendali. E se le buone pratiche assunte in queste settimane continuassero dopo il coronavirus?

Hai pensato alle conseguenze di questa emergenza sul tuo brand?

✍ Scrivimi e fammelo sapere. Aspetto il tuo commento.


Branding & Naming

leggi approfondimenti

Il rebranding nel largo consumo: il caso del Cornetto Algida

Il rebranding nel largo consumo: il caso del Cornetto Algida

Rinnovare senza snaturare. Il grafico pubblicitario Lucio Boscardin racconta il restyling che nel 1967 ha rivoluzionato il gelato più famoso d’Italia.

Continua a leggere

30 anni fa iniziava Italia ’90: 6 cose che non sapevi sul simbolo dei Mondiali di calcio.

30 anni fa iniziava Italia ’90: 6 cose che non sapevi sul simbolo dei Mondiali di calcio.

Parlando della mascotte di Italia ’90 voglio mostrarti quanto contano le attività di naming e branding nel rendere memorabile un evento.

Continua a leggere